Una mamma ed un papà innamorati

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. (Epicuro)

Una mamma ed un papà innamorati

15 Novembre 2014 Blog prenatalità 0
favola per un bimbo  prenatale  scritta dalla sua mamma
C’erano una volta un papà e una mamma innamorati… sai, se chiudo gli occhi riesco a vederci: abbracciati stretti stretti a parlare e a sognare di te.

Ti amo, ti amavo, ti amerò… Non basta la carne per nascere. Occorre anche questa parola. È una parola che viene da lontano. Viene dall’azzurro lontano dei cieli, dal vento che soffia dolce. È per questo che è una parola impossibile da tenere tra le mani tranquillamente: spiccherebbe immediatamente il volo, spargerebbe la sabbia delle sue lettere tra le dita.
Mi piacerebbe raccontarti la storia di questa mamma e di questo papà, della tua mamma e del tuo papà innamorati.
Fin da quando avevano scelto di vivere insieme “sapevano”, sentivano che il loro più grande desiderio era diventare mamma e papà, la tua mamma e il tuo papà, insieme, tenendosi per mano sorridendo.
Ma più passava il tempo più tu non arrivavi eppure loro erano costantemente persi nell’amore che continuava a chiamarli, a chiamarli, a chiamarli…
Allora un giorno andarono da una simpatica dottoressa bionda, una specie di fatina dolce per chiedere come dovevano fare.
La dottoressa-fatina li accolse nel suo studio e, dopo una lunga visita disse loro: “Cari signori, per fare un bambino ci vogliono un semino e un ovetto…: voi avete tanti ovetti ma i vostri semini non riescono ad uscire! Ma vi voglio confidare un sereto: esiste un posto bellissimo dove vi potranno aiutare a diventare mamma e papà!”
Sentite quelle parole quella mamma e quel papà non persero nemmeno un momento, presero la macchina e andarono dove la dottoressa aveva indicato e… quando arrivarono rimasero a bocca aperta…
Si trovarono in un paese bellissimo, pieno di tanta luce e molti fiori profumati con tanti dottori-maghetti pronti ad aiutarli… e fecero davvero una splendida magia: presero un ovetto dalla mamma e un semino da papà e li misero in un bicchiere di vetro colorato come un arcobaleno e caldo come un abbraccio e aspettarono!
All’’ovetto di mamma e al semino di papà quel bicchiere di vetro piacque molto molto e così stettero lì, stretti stretti, ma così stretti da unirsi in un unico esserino bellissimo, un puntino di luce dolce come le coccole …
… questo puntino ad un certo punto cominciò a crescere finché un giorno quella sua casetta di vetro divenne troppo piccola e così un dottore-maghetto face un’altra delle sue magie: con una bacchetta magica di cristallo trasferì quel cucciolino dal bicchierino ad un altro nido che non era altro che la pancia che così cominciò a crescere, a crescere… fino a diventare un bel pancione!!!!
Infatti, dentro quella pancia il piccolo si stava trasformando: all’inizio era una pallina piccina picciò, poi diventò un fagiolino, finché gli spuntarono le gambine e poi le braccine e poi le manine… insomma, l’ovetto di mamma e il semino di papà si erano trasformati in un bambino!
E così quando il bimbo fu cresciuto abbastanza con le sue manine e i suoi piedini cominciò a battere contro la pancia della mamma perché voleva uscire e batti oggi, batti domani un giorno uscì per davvero! E quel bambino eri tu!
Ti amo, ti amavo, ti amerò…
Ti amiamo, ti abbiamo amato, ti ameremo di un amore continuamente rivolto a te ben prima che tu nascessi perché siamo nati contemporaneamente a te, infinitamente grande e infinitamente piccolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Acconsenti all'uso dei cookie cliccando su "Accetto" nel banner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi