Il benessere della persona coincide soggettivamente con il benessere degli altri

Non leggo mai le cose una sola volta; non riesco a comprenderne il significato se non facendo risuonare in me le parole; usando me stessa come cassa di risonanza.
Cammino, lavoro, penso. Faccio rimbalzare dentro il mio senso delle cose, quel personalissimo pezzo critico che non prescinde da me, mai. Un vecchio amico, di quelli veri, che ti dicono dove sbagli ma ti insegnano di volta in volta che puoi andare bene così come sei. Io, cervellotica e lenta.


6 Novembre 2014 0