Resoconto Babyloss 2019 – Palazzo Ducale (GE)

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. (Epicuro)

Resoconto Babyloss 2019 – Palazzo Ducale (GE)

29 Novembre 2019 Blog lutto perinatale 0

15 Ottobre 2019 – Palazzo Ducale (GE)

di Noemi Passalacqua

 

“Non si può curare la morte, ma è possibile prendersi cura del dolore che resta” cit. Claudia Ravaldi

Inizia così l’avventura di questo BabyLoss 2019, una giornata intensa, emozionante che racchiude un anno di lavoro. La giornata del 15 Ottobre è il momento in cui noi operatori ci riuniamo per fare il punto, per informare e sensibilizzare la popolazione su questo delicato tema ed è anche il momento in cui emerge chiara e forte la rete che articola il lavoro di CiaoLapo Liguria. Pediatra, Ginecologo, Psicoterapeuta, Ostetrica, Counselor, Formatore, Psicologo tutte queste figure erano riunite allo stesso tavolo, presso la Sala Caminetto a Palazzo Ducale, per parlare di Lutto Perinatale. Tante anche le testimonianze delle famiglie e dei genitori che sono sempre il valore aggiunto ad ogni convegno. Non è davvero possibile curare la morte, ma è possibile accogliere e stare accanto ai genitori che perdono i loro bambini in epoca perinatale. È possibile accompagnarli nell’elaborazione della loro sofferenza. Ogni mamma ed ogni papà portano una storia di dolore, la storia interrotta della loro genitorialità, la storia del loro bambino/a. Ed è nel recuperare la narrazione di quella famiglia interrotta che accompagniamo i genitori a passare attraverso il doloroso percorso del lutto. Un percorso faticoso, difficile che questi genitori sono costretti a fare.

I genitori, visi di donne e uomini smarriti, a volte impauriti, che grazie ai loro bambini sono capaci di rinascere e di reinventarsi nel costruire una nuova vita, forse non quella che avrebbero immaginato, ma comunque speciale, come sono loro.

La mattinata di lavori, aperta e moderata, da Cristina Fiore, Formatore e Katia Griffo, Counselor, è iniziata con la relazione della dott.ssa Passalacqua, Psicoterapeuta. Queste tre professioniste operano per CiaoLapo Liguria presso l’Associazione Bene Con Sé Bene Insieme di Chiavari. L’associazione chiavarese, si occupa di accogliere e sostenere i genitori in lutto in Liguria ormai da anni, 11 per la precisione. Diversi sono stati i momenti di informazione e divulgazione aperti alla popolazione che l’associazione ha svolto col fine di sensibilizzare ospedali e non. Grazie a Bene con Sé Bene Insieme i genitori hanno potuto trovare in Liguria, in questi anni, un luogo specifico, una sede a cui rivolgersi e in cui poter essere accolti.

Il tema trattato dalla dott.ssa Passalacqua ha messo in evidenza i punti principali di un intervento di sostegno in psicoterapia e cioè l’accoglienza della storia portata dalla famiglia, il riconoscimento delle emozioni, aiutare i genitori a validare ciò che sentono e provano e in fine l’accettazione attraverso il percorso di dolore. Tutti punti che si articolano all’interno di un percorso di accompagnamento all’elaborazione del lutto. È seguito poi l’intervento della dott. Palmieri, Pediatra del Gaslini e (Incarico di Alta Specializzazione (IAS) Gestione Clinica e Ricerca pazienti ALTE e SIDS. Neurologia d’urgenza: percorsi clinici, linee guida. Coordinatore Centro Regionale SIDS – ALTE) che ha messo in luce la rete di professionisti che si occupano di questo delicato momento della vita delle famiglie e quello che si sta facendo sul territorio e anche quello che ancora si può fare, in un’ottica di miglioramento e crescita continua. È stato poi il momento del dott. Buffi, Ginecologo del Gaslini e medico attivo da anni nel sostegno alle mamme e papà colpiti da lutto perinatale che si apprestano ad una nuova nascita. Il dottore ha sottolineato come sia delicato il percorso che queste famiglie fanno e come sia importante sostenerle nei momenti di preoccupazione e dubbi che possono emergere. Il dott. Cremonini, Psicologo volontario di CiaoLapo Liguria, ha presentato in seguito il progetto Memory Box, una scatola, donata agli ospedali dall’associazione, utilizzata per conservare ricordi importanti, uno spazio fisico e mentale utile per ricordare e onorare la memoria di vite preziose. Un piccolo gesto che racconta ai genitori il passaggio breve, ma eterno, dei loro bambini. Un segno di rispetto per iniziare terapeuticamente a collezionare ricordi. Infine Cristina Petrozzi, Counselor, responsabile del Ponente Ligure ha raccontato il lavoro che il gruppo di auto mutuo aiuto (Genova e Ponente) svolge nel sostenere i genitori e come questo sia una risorsa utile e un momento di confronto e scambio. Diverse sono state le testimonianze di genitori e parenti che negli anni sono stati sostenuti dall’associazione CiaoLapo Liguria e di chi ancora invece ne fa parte. Mamme e papà attivi in un cammino che insieme aiuta a condividere il peso che il dolore per la perdita di un figlio in epoca perinatale comporta.

Un ringraziamento va all’ospedale Gaslini che nel 2013, ha espressamente richiesto la presenza di CiaoLapo presso i suoi spazi in modo da poter permettere alle famiglie di avere questo tipo di sostegno specialistico. Da quest’anno, nell’Agosto 2019 è inoltre arrivata da parte dell’ente, ospedale Gaslini, un importante riconoscimento che ha visto l’associazione CiaoLapo Liguria ricevere l’Accreditamento tra le associazioni di volontariato operanti all’interno dell’Ospedale. Questo riconoscimento è stato un punto di arrivo importante per gli operatori di CiaoLapo Liguria, è stato veder valorizzati e sostenuti anni di lavoro, fatica, di studio e sensibilizzazione a tutta la popolazione riguardo al Lutto Perinatale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Acconsenti all'uso dei cookie cliccando su "Accetto" nel banner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi