Blog

Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. (Epicuro)

Vorrei…

Vorrei che chi si professa “curante” non prescindesse dal sentire l’effetto del dolore e della rabbia nei racconti, della ragione e della fatica nella crescita, del rimpianto e della riconoscenza nel ricordo.

Vorrei non ci fossero rocche fatte di termini analiticamente scelti per preservare chi cura dal dolore, vorrei la missione della relazione portata come arricchente per sé ed empaticamente aperta al mondo.


15 Ottobre 2013 0

Sulle ali di Alice

Per fortuna, non troppo lontano da casa, si riuniva due volte al mese un gruppo di CiaoLapo e così, insieme a Marco, abbiamo deciso di provare. E’ stata la prova più bella che abbiamo mai fatto! Incrociare gli occhi, i tuoi occhi, di chi ha vissuto la tua stessa esperienza è stata la cura più dolce che potessimo ricevere. Con il passare del tempo quella rabbia e quel dolore prepotente si è trasformato in amore. E finalmente ho trovato per Alice un luogo dove resterà per sempre, nel mio cuore, nella vita di tutti i giorni, sulle ali di una farfalla gialla.


15 Ottobre 2013 0

Mi chiamo Cinzia e sono la mamma di Virginia, Giordano e Emiliano

Certo non hanno mai visto la luce i miei figli, certo hanno avuto tre storie diverse, trattamenti diversi, diritti diversi ma sono comunque i miei figli

Come si fa ad andare avanti, si fa….. prendendosi cura del dolore


15 Ottobre 2013 0

Prendersi cura… con cura

Questo era il titolo del mio intervento, in occasione del “Babyloss Awareness Day” ed è da qui che sono partita. Prendermi cura… in fondo questo è quello che faccio per lavoro e a tutti dedico “cura” in questo, ma quello che mi è stato chiesto, quando ho iniziato a collaborare con CiaoLapo, era qualcosa in più, era la cura che non poteva prescindere dalla conoscenza


15 Ottobre 2013 0

La supervisione di un facilitatore

La pura elaborazione teorica delle espressioni verbali ed emozionali non bastava a definire il contesto, non riuscivo ad inquadrare adeguatamente ciò che mi veniva portato ed insieme a Cristina abbiamo deciso che la mia partecipazione diretta ai gruppi poteva essere il tassello mancante.


15 Ottobre 2013 0

Una candela in cambio di un pensiero

Un pomeriggio di divieti, non si accendono candele, non si possono liberare i palloncini.
E allora le mamme si spostano tenendo per mano i bambini in terra e nel cuore gli altri e trovano un posto per farli volare.
Si trova sempre un posto per un figlio.

Ore di volontà di esserci.
Ore di amore.

Oh che difficile offrire una candela in cambio di un pensiero!


15 Ottobre 2013 0

Area Soci

Vuoi diventare socio? clicca qui Vuoi entrare nel tuo profilo socio? clicca qui


1 Gennaio 2001 0

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Acconsenti all'uso dei cookie cliccando su "Accetto" nel banner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi