Tag Archives: CiaoLapo

Un pó di storia – Gruppo AMA CIAOLAPO ONLUS

Sostegno al Lutto Perinatale a Chiavari dal 2007 ad oggi articolo di Noemi Passalacqua Il gruppo GAMA ligure nasce a Chiavari presso il Centro Studi “Bene Con Sé Bene Insieme” grazie all’interesse e alla sensibilità per questo argomento delle dott.ssa Cristina Fiore, responsabile e referente dell’area psicopedagogica del centro, affiancata poco dopo dalla dott.ssa Noemi […]

Read More

CiaoLapo incontra gli operatori dell’Asl imperiese

articolo di Cristina Petrozzi,
Counselor professionista iscritta al registro di categoria REICO

Le notizie di cronaca sanitaria sanitaria di questi ultimi giorni sono davvero tristi. Troppe mamme in attesa dei loro bambini perdono la vita insieme a loro per cause diverse e spesso a noi, che le apprendiamo dai media, non note.

(altro…)

Read More

Pepo e la sua mamma

Funziona così. Funziona che devi aprire il cuore e sentire tutto il dolore dentro. Sembra strano ma se lo senti tutto e non ti difendi, se ti apri e basta, allora poi sorridi. Perché sotto c’è l’amore. E non solo sotto. Sopra, di lato, insomma ovunque. Funziona che ci sono gli “infanti deceduti”, i “feticini”, […]

Read More

Fiore Cristina

Responsabile Area PsicoPedagogica del Centro Studi “Bene con Sé Bene Insieme“
Formatore AIF N. 835, Professional Advanced Counselor,
Formatore Gordon, Prenatal Tutor
N. A0311 AssoCounseling
Certificato di Competenza Professionale in Counseling (CCPC)  N. REG-A0311-2010
N. 3031 CNCP

Contatto:

(altro…)

Read More

La gioia di un battito d’ali

Ora, dopo che ha fatica ho ricostruito un punto di equilibrio, sempre grazie all’aiuto di una psicoterapeuta sto muovendomi su un altro piano: fermare la gioia che Giacomo ha saputo darmi e lasciarla espandere. Devo ammettere con un certo orgoglio che ci sto riuscendo: prima se pensavo a Giacomo era solo per ricordare quando lui non c’era più ora invece sempre più spesso mi soffermo sui momenti bellissimi che mi ha dato.

Read More

Giacomo, della morte e dell’amore

Educare mia figlia a conoscere la morte senza temerla, con la curiosità tipica dei bambini, sentendo la tristezza del distacco e della mancanza, sentendo l’amore oltre il corpo, il tempo e lo spazio…in questo vive il profondo desiderio di insegnarle a vivere e a saper amare anche quando gli altri non vedono amore ma la debolezza, la fragiltà, la diversità, la morte…

Read More

Vorrei…

Vorrei che chi si professa “curante” non prescindesse dal sentire l’effetto del dolore e della rabbia nei racconti, della ragione e della fatica nella crescita, del rimpianto e della riconoscenza nel ricordo.

Vorrei non ci fossero rocche fatte di termini analiticamente scelti per preservare chi cura dal dolore, vorrei la missione della relazione portata come arricchente per sé ed empaticamente aperta al mondo.

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi