Tag Archives: chiara mancuso

Esperienze di prima infanzia: tra ascolto e osservazione.

Partiamo dalla prima parola del titolo “ESPERIENZA” intesa come conoscenza diretta, personalmente acquisita con l’osservazione, l’uso o la pratica, di una determinata sfera della realtà. E’ un tipo di conoscenza fornita dalle sensazioni o comunque acquisita per il tramite dei sensi.

All’interno di questa definizione entrano in gioco sfumature determinanti per il per corso di vita di una persona. L’esperienza è una modalità di conoscere il mondo in cui sono immerso e mi rende protagonista di questo scenario in tutto il mio essere, fin da quando vesto i panni di un piccolo cucciolo d’uomo.

Read More

Pedagogia

Il termine «Pedagogia» deriva dal greco παιδαγογια, arte del «Pedagogo» da παιδος (paidos) «il bambino» e αγω «guidare, condurre, accompagnare».

Nell’antica Grecia il pedagogo era uno schiavo che accompagnava il bambino a scuola o in palestra. Dopo che i Romani ebbero conquistato la Grecia, venne chiamato «Paedagogus» lo schiavo greco che, oltre ad accompagnare i bambini, insegnava loro la lingua greca. Col tempo il significato di «Paedagogus» divenne quello di insegnante, nell’epoca medievale il pedagogo era il servo del re che si occupava dell’istruzione dei giovani principi e cortigiani, e che limitava l’aspetto educativo alla trasmissione di contenuti primari come “leggere e scrivere”.

Read More

Il massaggio infantile

I corsi di MassaggioAIMI sono occasioni dove il genitore può accompagnare, proteggere e stimolare la crescita e la salute del nostro bambino ed è un mezzo privilegiato per comunicare ed essere in contatto con lui. ll massaggio del bambino è semplice, ogni genitore può apprenderlo facilmente; è flessibile, e può adattarsi alle esigenze del bambino, fin da piccolo e durante le diverse fasi della sua crescita.

Read More

Il raggiungimento dell’autonomia acquatica

Per autonomia acquatica s’intende la capacità del bambino di compiere uno spostamento più o meno lungo, utilizzando i quattro arti come propulsori e controllando la respirazione.

Non è fondamentale e di natura prioritaria che l’acquaticità 3 mesi–3 anni fornisca l’aspetto della sicurezza (prevenzione dell’annegamento) oppure un risultato tecnico e agonistico precoce (aspetto sportivo), perché i bambini dovrebbero affrontare l’apprendimento del nuoto intorno ai cinque – sei anni, in quanto prima di tale età, non sono in grado di costruire in modo consapevole, delle sequenze motorie coordinate, come quelle delle nuotate.

Read More

Acqua: eccellente mediatore nel rapporto bimbi-genitori

Il genitore rappresenta l’interlocutore privilegiato per il bambino in quanto lo conosce e riconosce in ogni atteggiamento comunicativo e il bambino è consapevole che il genitore è in grado di interpretare ogni suo segnale.
La mamma e il papà rappresentano una fonte unica di sicurezza insostituibile per il bambino il quale, può alternare ai rischi derivanti dall’esplorazione e sperimentazione, i ritorni “alla base” (il genitore) dove è in grado di vivere momenti di gratificazione fatti di carezze, coccole, parole d’incoraggiamento e stima

Read More

L’attività in acqua accelera l’acquisizione delle capacità motorie

Nell’elemento liquido i neonati compiono movimenti specifici, che a terra non eseguono e che si possono definire “acquatici”: sgambettare, per alcuni come nello stile libero, per altri come nella rana: muovere le braccia come fa un cane con le zampe; infine mettere tutto il corpo in movimento.

Quando si pone un bambino in acqua, lo si osserva compiere movimenti diversi da quelli che fa a terra e i movimenti che fa a terra, uniti a quelli nuovi e più precoci in acqua, determinano un più rapido sviluppo psichico e fisico.

Read More

Federica e l’acqua

Mi è stato chiesto dalla Dott.ssa Chiara Mancuso di esporre la “nostra” esperienza con l’acquaticità, nostra è messo tra virgolette perché la vera protagonista è mia figlia Federica, estrema prematura di 24 settimane più 6 gg.
Da sottolineare è la grande forza di carattere e, diciamolo, la grande fortuna che caratterizzano la mia bimba; infatti tra tutte le patologie che avrebbero potuto colpirla alcune l’hanno sfiorata ed molte altre l’hanno proprio evitata.

Read More

Intorno alla pedagogia: educatore e pedagogista

articolo di Chiara Mancuso

L’educatore / pedagogista rappresentano le figure operative della pedagogia che viene a definirsi come la scienza dell’educazione e della formazione dell’uomo, che ha come oggetto l’educazione e la pratica dell’educazione stessa.

Per essere considerato un professionista in campo educativo, l’educatore deve possedere competenze di carattere teorico e di carattere pratico da utilizzare in situazioni ben precise, collocate in un tempo e uno spazio determinati, nei quali si attua la relazione educativa che per essere tale, richiede che ci sia intenzionalità formativa da parte dell’educatore verso l’educando e siano messi in atto procedure e percorsi mirati a obiettivi educativi.

(altro…)

Read More

Relazione educativa: verso una relazione d’aiuto

L’operare dell’educatore / pedagogista è determinato non solo dall’azione di preparazione e di controllo dell’intervento, ma anche dei mezzi che utilizza per realizzare quelle intenzioni di cambiamento che lo spingono all’azione educativa. Un buon professionista del campo educativo deve possedere delle solide e affermate competenze che si esplicano nella processo educativo che per essere tale richiede intenzionalità formativa da parte dell’educatore verso l’educando e percorsi e procedure mirati a obiettivi educativi.
La differenza tra una semplice relazione e una relazione educativa è data esclusivamente dall’intenzionalità e meno dell’educatore, che all’interno del rapporto educativo mette in atto, in modo consapevole e programmato, procedure per fare raggiungere al suo educando obiettivi in campo cognitivo, relazionale, emotivo o affettivo.

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi