Tag Archives: acquamotricista

Il raggiungimento dell’autonomia acquatica

Per autonomia acquatica s’intende la capacità del bambino di compiere uno spostamento più o meno lungo, utilizzando i quattro arti come propulsori e controllando la respirazione.

Non è fondamentale e di natura prioritaria che l’acquaticità 3 mesi–3 anni fornisca l’aspetto della sicurezza (prevenzione dell’annegamento) oppure un risultato tecnico e agonistico precoce (aspetto sportivo), perché i bambini dovrebbero affrontare l’apprendimento del nuoto intorno ai cinque – sei anni, in quanto prima di tale età, non sono in grado di costruire in modo consapevole, delle sequenze motorie coordinate, come quelle delle nuotate.

Read More

Acqua: eccellente mediatore nel rapporto bimbi-genitori

Il genitore rappresenta l’interlocutore privilegiato per il bambino in quanto lo conosce e riconosce in ogni atteggiamento comunicativo e il bambino è consapevole che il genitore è in grado di interpretare ogni suo segnale.
La mamma e il papà rappresentano una fonte unica di sicurezza insostituibile per il bambino il quale, può alternare ai rischi derivanti dall’esplorazione e sperimentazione, i ritorni “alla base” (il genitore) dove è in grado di vivere momenti di gratificazione fatti di carezze, coccole, parole d’incoraggiamento e stima

Read More

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Acconsenti all'uso dei cookie cliccando su "Accetto" nel banner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi