…anche colleghi efficaci

Il 30 marzo 2016 è partito il percorso di Formazione Gordon Insegnanti Efficaci (TET) presso l’Istituto Comprensivo n 7 de La Spezia (formatori: Cristina Fiore e Caterina Griffo); due gruppi di insegnanti per un totale di 35 iscritti.

Ecco il contributo di un insegnante: Dott. Maria Grazia Domenici
Mi chiamo Maria Grazia Domenici, abito alla Spezia e sono un’insegnante di scuola primaria. Ho lavorato tredici anni come insegnante unica in una scuola, prima privata, poi paritaria. Nel 2008 sono entrata di ruolo e, attualmente, insegno in due terze.
Nel 2007 avevo già frequentato un corso di P.E.T. e, in quanto madre di tre figli, l’avevo trovato molto interessante e utile. Oltre ad usarlo in famiglia, l’avevo sperimentato anche a scuola, ottenendo risultati abbastanza soddisfacenti.
Perciò quest’anno, quando il dirigente scolastico ci ha proposto il T.E.T., mi sono iscritta immediatamente.
Il primo giorno Caterina, la nostra formatrice, ci ha fatto fare un gioco che poi io ho riproposto ai miei alunni: “Il gioco dell’isola”. Questo gioco consiste nel chiedere alle persone di indicare tre oggetti che porterebbero con loro, se dovessero andare da soli in un’isola deserta. Ho proposto il gioco prima in 3 B composta da 22 bambini, in un momento di caos totale e, l’idea è piaciuta e ha fatto sì che gli animi si calmassero un po’.
Le risposte sono state le più disparate:
11 bambini porterebbero del cibo ,
7 dell’acqua,
4 un accendino,
4 un telefono,
3 un tablet,
3 del vestiario,
2 un orologio
poi una coperta, una bussola, una tenda, una lanterna, un sacco a pelo, una motoslitta, una barca, un supermercato, un’ascia, una spada, una sedia, un Nintendo, una trappola, un pupazzo, una crema solare, una bicicletta, un pallone, un po’ di legna, un elicottero, dei soldi, degli occhiali, degli attrezzi da lavoro, una casa, una piscina gonfiabile, un’automobile.
Proponendo il gioco nella terza A, anch’essa composta da 22 alunni, le risposte sono state, invece, più omogenee e ponderate:
21 bambini porterebbero del cibo
13 dell’acqua
5 dei vestiti
3 un pallone da calcio
2 una barca
2 un tablet
poi un rifugio, una tenda, una capanna, armi da difesa, una coperta, dei medicinali, lo zaino, una bicicletta, una bambola, un’ automobile, un campo da calcio (proposto da una femmina), il peluche preferito, una casa, la play 3, un pallone da rugby, un letto, un foglietto per scrivere.

Confrontando i risultati delle due classi, mi sono resa conto della differenza che intercorre fra gli alunni della B, rispetto a quelli della A molto più pratici e omogenei fra loro.
Questo gioco all’apparenza semplice e inutile, quasi da reality televisivo, in realtà serve molto a delineare la personalità, la maturità e il senso pratico di ogni alunno.
Avendo presente la tabulazione particolareggiata, mi sono fatta un’idea ben precisa sulle priorità di alcuni bambini che sono ancora legate alla sicurezza che dà loro l’ambiente in cui vivono con oggetti di uso quotidiano, che vorrebbero portare con sé in ogni momento, senza pensare o no alla loro utilità e alla loro praticità, ma solo al valore “affettivo”.
Mancano ormai solo due incontri alla fine del corso e un po’ mi dispiace, perché trovo molto utile e importante confrontarci tra noi alla luce di quanto abbiamo appreso dal T.E.T. e condividere le nostre prime esperienze di ascolto attivo, di messaggi in prima persona, di come risolvere i conflitti in classe e così via.
Spero che, finito il corso, riusciamo ugualmente a ritagliarci dei momenti di confronto e di ascolto per poter diventare veramente non solo insegnanti efficaci, ma anche colleghi efficaci.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prima di inviare, risolvi questa piccola operazione, grazie Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi